Il Ponte

Cooperativa per il commercio equo e solidale

Progetti di solidarietà

ambienteSan Francisco Echeverria

In El Salvador, nella regione di Cabañas, c’è una piccola comunità rurale di circa 150 famiglie...
San Francisco Echeverria.

Qui la luce elettrica è arrivata quattro anni fa, l’erogazione dell’acqua potabile si ha ora da circa due anni e i servizi igienici sono tuttora assenti, se non all’interno del centro scolare.

Ci si arriva unicamente attraverso una strada che è stata pavimentata da un anno: inizialmente era sterrata e quando pioveva diventava quasi impraticabile.

I suoi abitanti lavorano quasi unicamente nei campi, circondanti le essenziali case, che sparse costituiscono la comunità.

La storia della comunità è profondamente segnata da uno dei massacri da parte dell’esercito durante la guerra civile: all’interno di questa piccola comunità è avvenuto nel 1984, durante il quale sono state uccise 64 persone.

Esiste una costruzione, ormai praticamente adibita a monumento, all’interno del quale sono conservati i pochissimi resti delle vittime, e nel quale si sono consumate atrocità indescrivibili.

bambiniIl “centro” della comunità è oggi costituito dalla Scuola Popolare.
Essa è sorta dopo la ripopolazione della comunità, alla fine della guerra civile, quando gli abitanti hanno fatto ritorno nelle loro case, o meglio, nel loro territorio.
All’inizio le classi erano all’aria aperta e i banchi erano costituiti da tronchi; le matite si ripartivano in pezzetti di legno e i primi fogli erano fatti dall’unione degli involucri delle sigarette, lasciati dai soldati sul percorso.

Per impartire le prime nozioni, si offrirono alcuni volontari della comunità, che sono stati formati dall’Arcivescovado di San Salvador: il loro lavoro era gratuito, ricevendo solamente un compenso simbolico. Anche questo minimo aiuto è stato revocato, nel 1997, e la scuola rischiava, quindi, di chiudere...

Ad oggi, settembre 2006, la scuola è data da un struttura permanente, costituita da tre edifici,nei quali sono distribuite aule dotate di banchi e materiale didattico per tutto l’anno. Le classi funzionanti vanno da una di scuola materna per bambini dai 4 ai 6 anni, fino al nono grado,
che corrisponde relativamente alla nostra terza media, prima superiore. A portare avanti questa realtà ci sono 10 maestri, di cui 7 ministeriali; gli altri 3 maestri, che sono popolari, si sono laureati, garantendosi un posto fisso e uno stipendio da parte dello Stato.

...COSA E’ SUCCESSO?

bibliotecaProprio dal 1997, la Cooperativa Il Ponte ha deciso di prendersi cura dell’istruzione nella comunità di San Francisco dei bambini, garantendo il materiale didattico per ogni anno, e dei maestri, finanziando il loro studio universitario e assicurandogli uno stipendio mensile dignitoso, nell’attesa dell’ottenimento di questo da parte dello Stato.

Raggiunti questi obiettivi, attualmente stiamo portando avanti il progetto della biblioteca: è stata ricostruita una vecchia casa, usata dall’esercito durante la guerra civile, che ora dovrà essere pian piano equipaggiata di tutto il necessario: mobili, libri, e soprattutto i soldi per lo stipendio dei due bibliotecari già eletti all’interno della comunità. A richiesta della giunta direttiva di San Francisco, stiamo inoltre sostenendo una maestra, senza la quale si dovrebbe chiudere la classe di scuola materna.

Dal 1997 ad giugno 2006 sono stati raccolti, ed inviati, circa 40.000 euro.